BELVEDERE MONTE CIRCE

Ci troviamo al Belvedere Monte Circe. La denominazione è dovuta al panorama che ci permette di ammirare in lontananza il promontorio di San Felice Circeo. Da qui inoltre possiamo ammirare i due laghi di Sperlonga: il lago San Puoto e il Lago Lungo. Facciamo qualche cenno alla storia di Sperlonga.

La cittadina di Sperlonga deve il suo nome alla presenza di grotte naturali- speluncae- che incontriamo lungo la sua costa. Il suo litorale prende anche il nome di Riviera di Ulisse, in riferimento all’eroe omerico che, secondo la leggenda, ammaliato dal richiamo della Maga Circe e vista la bellezza delle nostre coste non potè fare altro che soggiornarvi.

Secondo la tradizione Sperlonga ha delle origini antichissime e molti hanno ragione di credere che sorgesse sulle rovine di un’antica città greca: Amyclae. Questa colonia fu fondata dai Laconi, ed era sotto la giuda di Glauco, figlio del re di Creta Minosse. La popolazione dei Laconi si fuse con il popolo indigeno degli Ausoni. La leggenda narra che Amyclae fu abbandonata per un’invasione di serpenti.